Sito Pubblico del Social Forum di Terracina

Lo sanno anche i bambini…

Ieri abbiamo compiuto la nostra buona azione quotidiana.

Uno dei nostri attivisti, infatti, si trovava alla stazione delle autolinee di Latina ed ha visto una persona, sui 60-65 anni, che piangeva seduta su una delle panchine.

Si è avvicinato ed ha riconosciuto un politico locale.

Ha chiesto il motivo di quella disperazione, ed il politico ha risposto: «Non riesco ad andare a Roma».

«Come non riesce ad andare a Roma? Ci sono tanti bus Cotral che vanno a Roma».

«No, no», era la risposta sconsolata.

Il nostro attivista ha tirato fuori dallo zainetto una cartina del Lazio e l’ha aperta, il politico l’ha guardata ed ha chiesto: «Che cos’è?».

«È la carta geografica. Guardi, per andare da Latina a Roma si possono percorrere la Pontina e l’Appia. Riguardo a quest’ultima, attraversa varie cittadine, ma si possono evitare deviando per la strada provinciale Cisterna-Campoleone e rientrando poi sull’Appia a Frattocchie. Si percorre un km in più, ma si evita tantissimo traffico».

«No, no», ripeteva il politico.

«In alternativa c’è il treno…».

Alla parola «treno», il politico ha reagito in maniera ancora più isterica: «Basta! Sono stufo di giocare con il trenino elettrico», e con un movimento della mano ha indicato alcune scatole di giochi Lego ed un trenino Lima che aveva abbandonato a pochi metri da lui, «voglio giocare con la pista Polistil! Voglio l’autostrada per Roma!».

A quel punto il nostro attivista ha capito ed ha detto: «Autostrada? E perché non un aeroporto?».

Il politico ha smesso immediatamente di piangere ed ha spalancato gli occhi, nei quali si è intravisto una sorta di lampo luciferino.

Il nostro attivista ha proseguito: «Un bell’aeroporto con centinaia, ma no, che dico, migliaia di posti di lavoro. E poi gli svincoli, il movimento terra, un’apposita strada di collegamento realizzata su terrapieno nel quale andare ad interrare di tutto di più».

Al politico, oltre che la bava alla bocca, stava quasi per venire un infarto per la troppa gioia, quando si sono materializzati tre bambini di 10 anni.

Il primo ha chiesto: «Di chi sono quei giocattoli laggiù?».

Il politico ha subito risposto «Li ho buttati io», ed il bambino ha replicato: «Non si gettano i rifiuti per terra. Non l’ha visto il cestino a pochi metri di distanza? E poi i rifiuti vanno prima differenziati».

Lo sanno anche i bambini…

Il secondo bambino ha detto: «Prima ho sentito di che cosa stavate parlando. Mio padre si alza prestissimo la mattina, per evitare il traffico sulla Pontina all’altezza del Raccordo Anulare. Ma io, a papà, lo dico sempre: “Se tutti continuano ad andare da soli in auto a Roma, per forza che ci saranno tutti quegli ingorghi. Sono le auto con un solo passeggero, il conducente, che provocano il traffico”».

Lo sanno anche i bambini…

Il terzo bambino ha detto, rivolgendosi al politico: «Perché non aumentate gli autobus per Latina? Non è necessario realizzare un’autostrada».

Lo sanno anche i bambini…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...