Sito Pubblico del Social Forum di Terracina

Dal sito Internet http://www.ecoseven.net/energia/news-energia/sara-piu-difficile-staccare-luce-e-gas-agli-utenti

SARÀ PIÙ DIFFICILE STACCARE LUCE E GAS AGLI UTENTI

di A. Po.

L’Autorità per l’Energia e il Gas ha stabilito delle nuove regole, in vigore dal 1° luglio, che renderanno più difficile staccare luce e gas a un cliente in caso di problemi di fatturazione.

Significa che, a seguito di una bolletta “anomala” e di conseguente reclamo del cliente, non potrà essere inoltrata la richiesta di sospensione della fornitura. Ci sarà, al contrario, l’obbligo per le compagnie di fornire risposte complete e trasparenti ai reclami.

In pratica l’Autorità ha allargato la casistica delle bollette reputate anomale.

Il gestore del servizio non potrà sospendere il servizio se si verificano queste condizioni:

– si fa reclamo o se ne richiede la rettifica entro 10 giorni dalla scadenza;

– importo superiore a 50 euro;

– mancata o incompleta risposta del gestore;

Gli operatori dovranno anche rendere scaricabile il modulo per i reclami nella home page del loro sito e, se il cliente ne fa richiesta, rispondere via e-mail. Nel caso non giungessero risposte motivate nel giro di 40 giorni è previsto l’indennizzo automatico.

È stata anche aggiornata la definizione di “fatturazione di importi anomali”: significa importi superiori al 150% dell’addebito medio delle bollette dell’ultimo anno, questo per il mercato dell’energia elettrica. Parlando di gas, si intende il doppio dell’addebito più elevato degli ultimi 12 mesi.

Il fornitore del servizio avrà anche dei nuovi obblighi quando risponderà ai clienti. La risposta dovrà infatti:

– contenere la descrizione delle modalità di fatturazione applicabili in base alla regolazione o al contratto concluso dal cliente, inclusa la priorità di utilizzo dei dati di misura, specificando se le modalità siano state concretamente applicate;

– dettagliare l’origine dei dati (cliente/distributore/venditore) e la natura di quelli riportati (rilevati o stimati);

– nel caso in cui si sia inviata un’autolettura (o la si invii nel reclamo) non coerente con le letture contestate, compresa quella di switching, indicare la motivazione del suo eventuale mancato utilizzo per la rettifica;

– riportare l’informazione sugli eventuali indennizzi automatici spettanti al cliente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...