Sito Pubblico del Social Forum di Terracina

Dal sito Internet http://www.lifegate.it/persone/news/lago-titicaca-inquinamento

PERÙ E BOLIVIA FIRMANO UNO STORICO ACCORDO PER SALVARE IL LAGO TITICACA

di Andrea Barolini

Le due nazioni sudamericane hanno siglato un’intesa per bonificare il lago Titicaca e i suoi numerosi affluenti, devastati dall’inquinamento.

La Bolivia e il Perù hanno firmato il 7 gennaio a La Paz uno storico accordo finalizzato a bonificare l’habitat del lago Titicaca. Il documento prevede una serie di misure volte da un lato a limitare gli agenti inquinanti che ogni giorno si riversano nel bacino d’acqua dolce, dall’altro a ripulirne le acque: un lavoro che costerà complessivamente cinquecento milioni di dollari, e per il cui completamento occorrerà aspettare il 2025.

A siglare l’intesa sono stati i ministri dell’Ambiente dei due Paesi: la boliviana Alexandra Moreira e il peruviano Manuel Pulgar. Quest’ultimo ha spiegato che alcuni interventi sono stati già avviati, “come nel caso dei finanziamenti stanziati per la realizzazione di sistemi di trattamento delle acque nelle fabbriche”.

Il lago Titicaca vittima della crescita esponenziale dei centri urbani

Ad inquinare il lago Titicaca – il più alto al mondo tra quelli navigabili, che per gli indiani delle Ande è un luogo sacro – sono soprattutto i liquidi provenienti dai centri abitati circostanti, che sono cresciuti in modo esponenziale negli ultimi anni. Il lago è infatti alimentato da più di 25 fiumi, che vi rovesciano acque usate in abitazioni, industrie, miniere, ospedali. Tanto da aver fatto ritrovare perfino antibiotici e metalli pesanti nelle analisi condotte dagli scienziati.

“È un incubo: si sta generando un disequilibrio drammatico per l’ecosistema”, ha spiegato un abitante al quotidiano belga La Libre. In estate, prosegue il giornale europeo, numerosi cittadini hanno partecipato a una serie di iniziative nel tentativo di ripulire gli affluenti. Dal letto dei fiumi è riemerso di tutto: da carcasse di animali a elettrodomestici. In tutto sono state estratte 4.000 tonnellate di rifiuti.

Dal punto di vista della biodiversità si rischia dunque una catastrofe. Il lago è infatti la casa, ad esempio, delle rane giganti, specie unica al mondo. Ma nel gigantesco bacino sudamericano, che si estende per oltre 8.500 kmq, vivono anche due specie di pesci in via di estinzione, nonché migliaia di uccelli. Per questo, la decisione dei governi di Perù e Bolivia era attesa ormai da tempo: aspettando ancora, la situazione avrebbero potuto diventare irrimediabile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...