Sito Pubblico del Social Forum di Terracina

Dal sito Internet http://popoffquotidiano.it/2015/12/03/il-circolo-vizioso-delle-armi-italiane-fino-allisis/

IL CIRCOLO VIZIOSO DELLE ARMI ITALIANE. FINO ALL’ISIS

di Enrico Baldin

«Il governo italiano non rispetta la legge sulla vendita di armi». A dirlo è Francesco Vignarca, il coordinatore della Rete italiana per il disarmo, approfondendo la crisi mediorientale e l’allarme terrorismo rinfocolatosi ulteriormente anche in Europa. Di recente Vignarca ha scritto con Duccio Facchini e Michele Sasso il libro “Armi, un affare di Stato”. Popoff lo ha sentito per approfondire un’altra delle variabili in campo nel cupo scenario bellico che è all’orizzonte, quella delle armi.

Vignarca, gliela pongo seccamente: l’Italia in qualche modo fornisce armi all’ISIS?

No, di certo non direttamente. Dall’Italia non è mai partita una fornitura di armi che servisse a sostenere lo Stato Islamico.

Lei dice non direttamente. Ed indirettamente?

In Yemen c’è un conflitto armato condotto dall’Arabia Saudita che è a capo di una coalizione. Noi abbiamo commercializzato in armi con l’Arabia Saudita, ed è certo che quella guerra è combattuta con bombe di provenienza italiana. Si badi, questa non è una supposizione, sono state ritrovate armi italiane in Yemen.

E da qui allo Stato Islamico?

Se tu vai a supportare Arabia Saudita, Kuwait, Qatar o quelle monarchie della regione che al fine di destabilizzare la regione, direttamente od indirettamente, hanno sostenuto DAESH, è chiaro che per proprietà transitiva tu in un certo senso vai a sostenere DAESH. Perché se acquistando armi da noi l’Arabia Saudita si sente più libera di usare altre proprie armi per destabilizzare la regione o per armare DAESH, allora tu in qualche modo partecipi alla destabilizzazione della regione. E poi le armi hanno una certa velocità di circolazione.

Cosa intende?

Le armi non hanno scadenza, si possono usare o commercializzare anche più in là nel tempo. E perciò non sai in che mani possano finire poi. Basti pensare all’esempio degli Stati Uniti che hanno inondato la regione mediorientale di armi e si son ritrovati poi a combattere contro eserciti che usavano armi di provenienza americana. Noi abbiamo sottolineato più volte il problema del mercato nero che coinvolge in particolar modo le armi leggere. È così, funziona così. Sai a chi vendi le armi, non sai a chi poi finiscano. Sollevammo questo stesso discorso anche quando l’Italia inviò le armi ai curdi: il rischio che finiscano poi a gruppi armati estremisti c’è.

Il ministro Pinotti però ha detto che è tutto regolare.

Noi non siamo d’accordo. La questione demanda più che altro al Ministero degli Esteri, ma la Pinotti ci si è messa in mezzo con le dichiarazioni degli scorsi giorni. Chi vende armi fa le cose regolarmente perché ha chiesto una autorizzazione al governo che ha dato parere positivo. Ma è il governo italiano che va contro la legge: la 185 del 1990 dice chiaramente che non si possono vendere armi a Paesi che si trovano in guerra o che violano i diritti umani. L’Italia ha rifornito di armi l’Arabia Saudita che è in guerra in Yemen in maniera conclamata, l’ha pure dichiarato. Questa guerra ha ucciso almeno 6.000 persone di cui 500 bambini. E l’Arabia Saudita è pure una dittatura che non rispetta i diritti umani, basti pensare che a vincere il premio Sakharov per la libertà di parola assegnato dal Parlamento Europeo è stato il blogger saudita Badawi imprigionato e torturato dal regime.

Formalmente chi è che vende le armi?

Sono ditte, non è il governo, anche se più volte il governo ha dato armi sottoforma di “regali”. RWM Italia, che fa capo ad una ditta tedesca, ha chiesto al overno italiano di esportare armi in Arabia Saudita. Ora, c’è chi in forma assolutoria dice che a guadagnarci è una ditta tedesca e non una italiana, che i soldi finiscono in Germania. A noi non importa a chi finiscano i soldi, quelle bombe vengono prodotte in Italia, in Sardegna. L’Italia non può sentirsi assolta, le bombe vengono prodotte e partono dalla provincia di Carbonia Iglesias e vanno direttamente in Arabia senza passare per la Germania.

Pochi giorni fa Renzi ha annunciato nuovi stanziamenti al comparto difesa. Che ne pensa?

È una scelta sbagliata. Dall’11 settembre 2001 la spesa mondiale per la difesa è cresciuta del 50% passando da 1.200 miliardi di dollari complessivi a 1.800. Il mondo occidentale dunque ha deciso di armarsi in risposta alla minaccia terroristica. E anche noi stiamo facendo lo stesso. Il fatto però è che nessuno si sente più sicuro. Non si sentono più sicuri gli Stati che principalmente subiscono la minaccia terroristica che non stanno certo in occidente visto che DAESH fa molte più vittime in Medio Oriente o in nord Africa. Non siamo più sicuri noi che il 13 novembre abbiamo visto da vicino gli attentati a Parigi. Reagire emotivamente aumentando la spesa per armi non avrà alcun risultato sulla sicurezza, avrà risultati solo sui profitti delle industrie belliche.

Sugli F35 invece si va avanti a spron battuto.

Il Parlamento ha votato a maggioranza una mozione che dice chiaramente che il budget per gli F35 deve essere dimezzato. Il governo non si sta attenendo a ciò che ha deliberato il Parlamento. E il ministro della Difesa non può giustificare la costruzione degli F35 con il ritorno economico che questi garantirebbero. Esce dal suo ruolo dicendo questo e comunque non è vero, sennò pure il ministro della Salute dovrebbe giudicare le scelte in merito di sanità col ritorno economico che queste dovrebbero dare.

Secondo lei come si esce da questa situazione di conflitto in Medio Oriente?

Quella, come ha scritto anche il sottosegretario agli esteri Mario Giro, è una partita politica tra fazioni diverse dell’Islam politico, su cui sono poi entrati in campo altri attori che hanno complicato di molto le cose. Io credo che non dobbiamo assolutamente intervenire militarmente, credo nella soluzione pacifista che esclude entrambi i terrorismi, sia quello che sequestra e uccide la gente in un teatro, sia quello che esporta bombe che fanno per il 90% vittime civili. Le soluzioni militariste sono semplificatrici, non tengono conto del fatto che puntualmente complicano le cose. La scelta nonviolenta e pacifista è più meditata e per questo difficile. Bisogna “rischiare la pace” come dice don Luigi Ciotti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...