Sito Pubblico del Social Forum di Terracina

Dal sito Internet http://www.comidad.org/dblog/articolo.asp?articolo=698

AL SUONO DELLA MARSIGLIESE RIDOTTI DA CITTADINI A OSTAGGI

di comidad

La colonna sonora della scorsa settimana è stata l’inno della Marsigliese, suonato in tutte le salse ed in tutte le occasioni; ciò, si è detto, per “solidarietà” nei confronti del popolo francese. In realtà la riproposizione dell’inno della Rivoluzione Francese del 1789 ha finito per assumere una valenza simbolica molto più profonda, ed anche molto meno rassicurante.

La Rivoluzione Francese, almeno ai suoi inizi, aveva proposto un’idea di cittadino non come semplice soggetto di diritti e doveri, ma come vera e propria funzione della Repubblica. In tale concezione, il cittadino si poneva come controllore assiduo della legalità e della legittimità degli atti del governo e dell’amministrazione. Già nei decenni successivi questo ideale si annacquava tramite la mediazione della stampa, che trasformava la cittadinanza in “opinione pubblica”, la cui presunta funzione di controllo diventava così controllabile.

Gli avvenimenti di queste ultime settimane configurano un modello di potere addirittura opposto a quello del 1789, dato che il cittadino si ritrova retrocesso al ruolo nemmeno di suddito, ma di ostaggio da parte di un potere che pretenderebbe di porsi come protettore e difensore di una popolazione che esso stesso minaccia con le sue proprie iniziative spericolate.

Che il presidente francese Hollande possa arrogarsi il diritto di parlare a nome delle vittime degli attentati di Parigi, che possa pretendere di essere lui ad adottare iniziative belliche e diplomatiche per proteggere i francesi, appare infatti alquanto paradossale. Anche volendo ammettere l’improbabile matrice ISIS/Daesh degli attentati di Parigi, non è stato lo stesso Hollande uno dei maggiori destabilizzatori del potere legale in Siria dal 2011 in poi? Non è stata questa destabilizzazione a fornire una base territoriale all’ISIS? Non è stato lo stesso Hollande a fornire pieno riconoscimento diplomatico alle “opposizioni” in Siria, cioè indirettamente anche all’ISIS? E allora di che parla?

Se il cittadino si ritrova ridotto ad ostaggio del proprio governo, l’opinione pubblica viene avvilita al ruolo di claque di quello stesso governo. L’informazione ufficiale si fa carico di seminare l’opportuna confusione, affinché le poche notizie concrete si sfilaccino in un confusionario rumore di fondo. Tra i dati certi c’è il ruolo di finanziatori dell’ISIS svolto dalle petromonarchie del Golfo Persico, che sono i maggiori partner commerciali della Francia ed anche i suoi maggiori clienti nella vendita di armi. Gli affari sono affari, perciò le responsabilità dell’Arabia Saudita e del Qatar devono sparire dal dibattito ufficiale e, per gettare un po’ di fumo, autorevoli organi d’informazione come La Stampa di Torino mettono sullo stesso piano le precise contestazioni rivolte a Qatar ed Arabia Saudita con le accuse generiche e non circostanziate lanciate contro Assad e contro l’Iran.

La Stampa è però lo stesso quotidiano che l’anno scorso documentava i rapporti finanziari tra Qatar ed ISIS. Si vede che allora non si era ancora stabilito del tutto il sistema delle veline e delle censure.

Lo scorso anno il quotidiano britannico The Guardian forniva le stesse informazioni, e dava conto delle dirette responsabilità non solo del Qatar, ma anche dell’Arabia Saudita e del Kuwait nella genesi e nello sviluppo del terrorismo pseudo-islamico. Il tutto veniva corredato con l’illustrazione degli intrecci d’affari che coinvolgevano il Regno Unito.

Ciò non impediva lo scorso anno al Qatar di ospitare nientemeno che un summit della NATO, con la presenza del segretario generale Stoltenberg. La NATO è una cordata di lobby degli affari ma, nel suo ruolo istituzionale, viene chiamata a santificare in nome dei principi della difesa e della sicurezza tutte quelle operazioni di vendita di armi e di traffico clandestino di petrolio che mettono a rischio le popolazioni.

I media hanno creato un mito superomistico attorno all’ISIS: un’entità arcaica, ma modernissima, espertissima in tecniche di comunicazione e nell’uso dei social network, abilissima ad autofinanziarsi con tassazioni sul territorio e traffico di petrolio. Una Spectre islamica da film di 007.

Sarebbe molto rassicurante, e fuorviante, anche ridurre la questione ISIS ad una narrazione del tipo della Creatura di Frankenstein sfuggita al controllo del suo creatore. Così come rappresenterebbe una sbrigativa semplificazione l’ipotesi che l’attentato di Parigi sia un false flag di marca “europeistica”, per avere il pretesto per approntare una “difesa europea” e sforare il Patto di Stabilità con i business della “sicurezza”. False flag certamente sì, ma il quadro d’insieme non è affatto chiaro. Il vero problema è che il casino suscitato con la destabilizzazione della Libia e della Siria va ben oltre la stessa ISIS.

Ben quattro Paesi sono stati coinvolti sin dall’inizio nel finanziamento dell’ISIS: Arabia Saudita, Qatar, Kuwait ed Emirati Arabi Uniti. Nell’addestramento e nell’appoggio alla stessa ISIS sono risultati coinvolti gli USA, la Francia, il Regno Unito e la Turchia. Il reclutamento dei militanti ISIS è stato operato in un’area che va dal Vicino Oriente sino ai Balcani. Tutto ciò con il coinvolgimento di varie agenzie, sia statali che private, con il ruolo, ovviamente, anche di istituti bancari per il trasferimento di fondi. Gli intrecci affaristici che si sono creati tra Stati Uniti, Francia, Regno Unito e Turchia da una parte e petromonarchie dall’altra, hanno quindi messo in campo una serie di lobby d’affari, trasversali agli stessi Stati ed agli stessi servizi segreti, ogni lobby attorno ad uno specifico business, o anche più business. L’estensione, la ramificazione ed il potere di queste lobby rappresenta oggi la vera incognita. Anche l’oscura uccisione dell’ambasciatore USA Stevens a Bengasi nel 2012 si inquadra, probabilmente, in una di queste faide affaristiche.

A questo punto non si sa neppure chi siano i veri attori del gioco, ed Hollande sta solo fingendo un attivismo che dia l’illusione di poter controllare la situazione. L’abbattimento di martedì scorso di un jet russo da parte della Turchia riconferma che non è affatto l’ISIS il centro del problema.

Di tutto ciò la gran parte dell’opinione pubblica non ha alcuna consapevolezza. Il dibattito mediatico si accende invece sulle responsabilità dell’Islam e sul problema delle banlieue, i quartieri degradati di Parigi, a riprova del fatto che l’alternativa ludica che viene offerta all’opinione pubblica non è tra razzismo ed antirazzismo, ma tra un razzismo “hard” ad uso delle destre, ed un razzismo “soft” ad uso delle “sinistre”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...