Sito Pubblico del Social Forum di Terracina

Dal sito Internet http://www.lifegate.it/persone/stile-di-vita/prevenire-la-screpolatura-delle-mani

ADDIO MANI SECCHE E SCREPOLATE

di Silvia C. Turrin

La cura di sé parte (anche) dalle mani. I nostri arti superiori rappresentano quelle parti del corpo maggiormente utilizzate per compiere tanti tipi di lavori e per questo possono mostrare più facilmente i segni di screpolature o di secchezza. Il contatto con detersivi e saponi aggressivi, nonché il frequente utilizzo di acqua – per esempio per lavare frutta e verdura e per la pulizia della casa – causano un assottigliamento della pellicola naturale protettiva delle mani. Con l’arrivo dell’autunno e dell’inverno, poi, queste risultano più soggette ai cambiamenti atmosferici (freddo, umidità, vento). Vediamo insieme alcune soluzioni per curarle e per prevenire screpolature e secchezza.

Il primo consiglio è quello di utilizzare, quando possibile, dei guanti naturali protettivi per i vari lavori domestici. In ogni caso, anche se si adotta questo accorgimento, è importante idratare e nutrire la pelle, evitando prodotti contenenti alcol, paraffina, parabeni e altre sostanze chimiche dannose per il benessere dell’epidermide. Senza spendere troppo, possiamo affidarci a ciò che la natura ci mette a disposizione per nutrire e difendere le nostre mani. Partiamo da un segreto di bellezza adatto per tantissimi trattamenti e che è utilizzato sin dall’antichità in cosmesi: l’olio d’oliva. Mettendone poche gocce sulle mani e massaggiando bene contribuiamo a restituire lipidi all’epidermide e ne preserviamo l’elasticità. Questa operazione sarebbe meglio compierla alla sera, prima di coricarsi, in modo che la pelle delle mani possa assorbire per tutta la notte le proprietà dell’olio. Per evitare di ungere lenzuola e oggetti vari si possono proteggere le mani indossando guanti in fibra naturale.

L’olio d’oliva, grazie al suo contenuto di vitamine E ed A, è poi un ottimo ingrediente per creare impacchi nutrienti. Uno dei più semplici da preparare è il seguente: scaldare a bagnomaria un cucchiaio di burro di karité e aggiungervi 3-4 gocce di olio d’oliva. A piacere si può inoltre unire il succo di mezzo limone bio. Il composto così ottenuto lo si applica sulle mani, massaggiando bene. Lasciare sulla cute per almeno 10-15 minuti, dopodiché eliminare il composto in eccesso dolcemente con un panno in fibra naturale oppure lavando le mani in acqua tiepida e limone.

Oltre all’olio di oliva, per impacchi e massaggi alle mani si può utilizzare anche l’olio di argan, potente antiossidante, quindi nutriente, ricco di vitamina E, carotenoidi e Omega 6 e 9. Il burro di karité è un altro ingrediente altamente benefico per la pelle. Può essere utilizzato miscelandolo non solo con un buon olio (anche di mandorle dolci o di jojoba), ma anche con del miele: un abbinamento, karité e miele, che aiuta a rigenerare la pelle.

Per il suo effetto antinfiammatorio e cicatrizzante è un toccasana la calendula; unita all’aloe risulta un efficace lenitivo per pelli delicate e sensibili. Si può preparare una crema protettiva amalgamando insieme a bagnomaria qualche goccia di oleolito alla calendula con del gel all’aloe vera. Mescolare bene e applicare sulle mani massaggiando. La crema rimasta può essere conservata in un recipiente di vetro sterilizzato, da riporre in un luogo fresco, possibilmente non umido. Non dimentichiamo infine che la bellezza è strettamente legata alla nostra alimentazione e che quindi per proteggere e nutrire la pelle abbiamo bisogno di cibi (come gli asparagi e il peperoncino) ricchi sia di vitamine E, A, C, sia di oligoelementi, tra cui il selenio, e di flavonoidi. Questi ultimi sono sostanze naturali che determinano la colorazione di molte piante, come pure di vari frutti e verdure. Svolgono in particolare un’azione antinfiammatoria, antiallergica e contrastano la formazione dei radicali liberi. Avendo un alto contenuto di flavonoidi, come alimenti sono consigliati, fra gli altri, i mirtilli, la barbabietola, l’uva nera, il ribes nero, i lamponi, le albicocche, i peperoni e i broccoli. Si consiglia anche il cavolo, verdura tipica dell’autunno e dell’inverno, in quanto contiene non solo antiossidanti, ma anche selenio e vitamine del gruppo C.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...