Sito Pubblico del Social Forum di Terracina

Dal sito Internet http://www.ecoblog.it/post/132247/fukushima-89-casi-di-cancro-alla-tiroide-tra-i-bambini-e-oltre-centomila-a-rischio

FUKUSHIMA: 89 CASI DI CANCRO ALLA TIROIDE TRA I BAMBINI E OLTRE CENTOMILA A RISCHIO

Gli effetti sanitari del disastro nucleare di Fukushima iniziano a manifestarsi in tutta la loro estensione. 370.000 bambini sono stati sottoposto a screening per la tiroide e 130.000 (il 48%) risultano a rischio perché presentano noduli fino a 5 mm o cisti fino a 20 mm.

Sono invece 89 i veri e propri casi di cancro diagnosticati tra i bambini della prefettura di Fukushima (1).

Alcuni tra i piccoli malati avevano metastasi nei linfonodi e nei polmoni per cui è stato necessario ricorrere a interventi chirurgici.

Stanno inoltre crescendo timori, rabbia e la protesta popolare per i piani di reinsediamento delle famiglie, anche con minori, nelle regioni contaminate intorno alla centrale.

Non solo i bambini soffrono per il fall-out radioattivo: è morto all’età di 58 anni Masao Yoshida, uno dei tecnici dell’impianto che non ha voluto abbandonare la centrale nei momenti peggiori della crisi. Quanti altri lavoratori hanno fatto la stessa fine?

È difficile dirlo, perché i lavoratori che lavorano per le aziende a contratto (alcune dominate dal crimine organizzato) spesso non vengono monitorati per esposizione alle radiazioni o follow up sanitario.

NOTE

(1) Tecnicamente si tratta di 50 casi confermati e 39 sospetti. Tuttavia finora il 98% dei casi sospetti è stato poi confermato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...